Loading…
You are here:  Home  >  European Union - MIL OSI in Italian  >  Current Article

Francesco: degrado ambientale è sempre unito a ingiustizia sociale

Published By   /   March 2, 2017  /   Comments Off on Francesco: degrado ambientale è sempre unito a ingiustizia sociale

MIL OSI

Source: The Holy See in Italian

Headline: Francesco: degrado ambientale è sempre unito a ingiustizia sociale

2017-03-01 Radio Vaticana

Messaggio di Papa Francesco per la Campagna di Fraternità promossa dalla Chiesa brasiliana per la Quaresima. Quest’anno, l’appuntamento si svolge sul tema degli ecosistemi e sulla difesa della vita. Occorre prendere coscienza – ha detto il Pontefice – che il degrado ambientale è sempre accompagnato dall’ingiustizia sociale e a pagare sono i più deboli. Il servizio di Amedeo Lomonaco:

Il Creatore – scrive il Papa nel messaggio – è stato prodigo con il Brasile concedendo una diversità di ecosistemi di “straordinaria bellezza”. Ma purtroppo – aggiunge – sono anche presenti i segni di aggressione alla creazione e di deterioramento della natura. La Chiesa in Brasile, per quanto riguarda il rispetto e la cura dell’ambiente e dei poveri, è stata “una voce profetica”.  Non solo – sottolinea il Papa – la Chiesa ha richiamato l’attenzione sulle sfide e sui problemi ecologici, ma ha anche indicato le sue cause e, soprattutto, i modi per superarli.
E’ necessario prendersi cura del creato e promuovere relazioni fraterneTra le tante iniziative e azioni promosse dalla Chiesa, Papa Francesco ricorda che già nel 1979 la Campagna di Fraternità, manifestando preoccupazione per le questioni ambientali e per i comportamenti umani in relazione ai doni della natura, era incentrata sul tema: “Preservare ciò che è di tutti”. L’obiettivo della Campagna di quest’anno – spiega il Pontefice – traendo ispirazione dal versetto biblico “Il Signore Dio prese l’uomo e lo pose nel giardino di Eden, perché lo coltivasse e lo custodisse”, è di “prendersi cura del creato, in modo speciale degli ecosistemi del Brasile, dei doni di Dio e di promuovere relazioni fraterne con la vita e la cultura dei popoli, alla luce del Vangelo”.
Il degrado ambientale è sempre accompagnato dall’ingiustiziaNon possiamo non considerare – aggiunge il Papa – gli effetti del degrado ambientale, l’attuale modello di sviluppo e la cultura dello scarto che si abbatte sulla vita delle persone. Questa Campagna ci invita a contemplare, ammirare, ringraziare e rispettare “la diversità della natura che si manifesta nei diversi ecosistemi del Brasile – un vero dono di Dio – attraverso la promozione di relazioni rispettose” dei popoli che vivono in tali contesti. Questa – sottolinea Francesco – è una delle più grandi sfide in tutte le parti della terra, perché “il degrado ambientale è sempre accompagnato dall’ingiustizia sociale”.
Dai popoli indigeni si può apprendere un modello di sviluppo sostenibileI popoli indigeni, originari di ciascun ecosistema, sono un chiaro esempio “di come la convivenza con la creazione può essere rispettosa”, feconda e misericordiosa. E’ necessario conoscere e imparare da questi popoli il loro modo di rapportarsi con la natura. Così – conclude il Papa – è possibile trovare un modello sostenibile che possa essere una valida alternativa al desiderio sfrenato di profitto che esaurisce le risorse naturali e danneggia la dignità dei popoli. Ogni anno – ricorda infine il Papa – la Campagna di Fraternità si svolge nel tempo della Quaresima. E’ un invito a vivere con maggiore consapevolezza la spiritualità pasquale. 
(Da Radio Vaticana)

    Print       Email