Loading…
You are here:  Home  >  European Union - MIL OSI in Italian  >  Current Article

AFRICA/SUDAN – Oltre 31 mila sud sudanesi hanno lasciato il Paese a causa della carestia

Published By   /   March 3, 2017  /   Comments Off on AFRICA/SUDAN – Oltre 31 mila sud sudanesi hanno lasciato il Paese a causa della carestia

MIL OSI

Source: The Holy See in Italian

Headline: AFRICA/SUDAN – Oltre 31 mila sud sudanesi hanno lasciato il Paese a causa della carestia

AFRICA/SUDAN – Oltre 31 mila sud sudanesi hanno lasciato il Paese a causa della carestia

giovedì, 2 marzo 2017

RD

Khartoum (Agenzia Fides) – La metà del numero previsto di rifugiati provenienti dal Sud Sudan per il 2017 sono già arrivati in Sudan nei primi due mesi dell’anno. La dichiarazione arriva dall’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR). Stando alle cifre ufficiali, oltre 31 mila sud sudanesi hanno lasciato il Paese a causa della fame e dei conflitti armati. La carestia, annunciata ufficialmente dal Governo e dalle Nazioni Unite il 20 febbraio scorso, è particolarmente grave in alcune aree dello Unity State. Le prime stime indicano che oltre l’80% dei nuovi arrivati sono donne e bambini, compresi i bambini non accompagnati e quelli separati dalle famiglie. Hanno bisogno di immediata assistenza salva-vita.
Ai punti di ingresso in Sudan, i nuovi rifugiati vengono trasportati in luoghi dove possono ricevere cibo, acqua e un riparo. Vengono forniti di kit da cucina per soddisfare le loro necessità di base. Gli esponenti del Sudanese National Umma Party hanno chiesto alla popolazione sudanese delle aree che confinano con il Paese, di ricevere i rifugiati che fuggono dalla carestia che sta colpendo parte della giovane nazione. Le organizzazioni della società civile sudanese hanno lanciato un appello alle organizzazioni caritative e di volontariato in Sudan, riconosciute dallo Stato, di fornire aiuti per il Sud Sudan. Secondo l’UNHCR, da quando è scoppiata la guerra sono arrivati in Sudan quasi 330 mila rifugiati sudsudanesi in fuga da guerre e insicurezza alimentare in corso nel loro Paese.
(AP) (2/3/2017 Agenzia Fides)

    Print       Email