Loading…
You are here:  Home  >  European Union - MIL OSI in Italian  >  Current Article

ASIA/KIRGHIZISTAN – Più soldi a maestri e prof. Il Presidente Atambayev punta sull’istruzione per contrastare il fanatismo religioso

Published By   /   July 17, 2017  /   Comments Off on ASIA/KIRGHIZISTAN – Più soldi a maestri e prof. Il Presidente Atambayev punta sull’istruzione per contrastare il fanatismo religioso

MIL OSI

Source: The Holy See in Italian

Headline: ASIA/KIRGHIZISTAN – Più soldi a maestri e prof. Il Presidente Atambayev punta sull’istruzione per contrastare il fanatismo religioso

ASIA/KIRGHIZISTAN – Più soldi a maestri e prof. Il Presidente Atambayev punta sull’istruzione per contrastare il fanatismo religioso

TdGNews.org

Bishkek (Agenzia Fides) – Negli ultimi cinque anni, in Kirghizistan, lo stipendio dei docenti è cresciuto di quatto volte. Inoltre più del 20% del bilancio nazionale, secondo i dati forniti dal governo, è investito nel sostegno all’istruzione. Sono questi i dati diffusi la scorsa settimana dal Presidente chirghiso Almazbek Atambayev durante una cerimonia di premiazione di insegnanti, medici e funzionari statali distintisi a livello nazionale nell’ultimo anno per il proprio impegno professionale. Durante la cerimonia, secondo quanto riferito dai media russi, Atambayev ha voluto rimarcare che l’impegno consistente di risorse pubbliche in campo educativo rappresenta un punto chiave nella strategia di contrasto al fanatismo d’impronta religiosa che continua a diffondersi nell’ex repubblica sovietica a maggioranza islamica: “Occorre smettere di fare del male alla propria testa mentre si prega, quando bisognerebbe invece concentrarsi di più sull’educazione. In questo modo, non si confonderà più la religione con la cultura araba: l’Onnipotente non è né arabo né chirghiso, è coscienza universale e energia”.
Secondo il rapporto sul terrorismo in Kirghizistan, pubblicato nel giugno 2016 dal Dipartimento di Stato USA, nel 2015 venivano stimati 400 cittadini chirghisi (comprese decine di donne) trasferitisi in Siria e Iraq per combattere nelle file dell’auto-proclamato Stato Islamico (Daesh). (GV) (Agenzia Fides 17/7/2017).

    Print       Email