Loading…
You are here:  Home  >  European Union - MIL OSI in Italian  >  Current Article

ASIA/MALAYSIA – L’Arcivescovo Leow: “Pasqua, politica e fiducia possono stare insieme”

Published By   /   April 6, 2018  /   Comments Off on ASIA/MALAYSIA – L’Arcivescovo Leow: “Pasqua, politica e fiducia possono stare insieme”

MIL OSI

Source: The Holy See in Italian

Headline: ASIA/MALAYSIA – L’Arcivescovo Leow: “Pasqua, politica e fiducia possono stare insieme”

Kuala Lumpur – “Quest’anno, la Pasqua arriva nel mezzo della campagna elettorale in cui molti politici, vecchi e nuovi, ci incoraggiano a fidarsi di loro. Pasqua, politica e fiducia: possono stare insieme? Sì! Perché la risurrezione di Gesù, per quanto sorprendente possa apparire, riguarda la nostra trasformazione umana che ci conduce alla pienezza della vita in Dio. Pasqua è la guarigione di ciò che è ferito; si tratta di perdonare ciò che è sbagliato; si tratta di sostenere la giustizia e di elevare gli oppressi e gli emarginati; soprattutto, si tratta di fidarsi del fatto che esiste un modo migliore per vivere insieme come malesi”: è quanto afferma il messaggio dell’Arcivescovo Julian Leow Beng Kim, alla guida della arcidiocesi di Kuala Lumpur, diramato in occasione della Pasqua e inviato all’Agenzia Fides. Parlando dell’evento centrale della fede cristiana, l’Arcivescovo coglie l’opportunità per rivolgersi ai fedeli e dare una chiave di lettura sul momento sociale e politico che vive la nazione, proiettata verso le elezioni generali, previste entro il prossimo giugno, dopo che il Primo Ministro Najib Razak ha appena annunciato lo scioglimento delle Camere.”La Risurrezione di Gesù – rileva il testo di mons. Leow – è la risposta di Dio alla polarità, alla divisione, all’inimicizia razziale e religiosa. Come popolo pasquale di oggi, continuiamo a fidarci del messaggio che cambia la vita. Cerchiamo di lavorare per la comprensione, il dialogo e il rispetto reciproco tra persone di fedi diverse e nelle nostre comunità. Preghiamo per la nostra nazione e per i nostri politici, perché siano guidati a lavorare per una società giusta, equa e armoniosa in cui possano prosperare i doni e i contributi di tutte le persone, mentre la zizzania dell’alienazione e dell’estremismo non trovano terreno in cui radicarsi”.L’Arcivescovo nota: “Essere un popolo pasquale significa che la risurrezione è parte della nostra esperienza di vita. La Pasqua parla della vita, della vita nuova, di Gesù risorto dai morti, che ci dà speranza quando sembra che gli eventi siano senza speranza, ci infonde coraggio quando vogliamo scappare, fiducia quando siamo vulnerabili e forza di fronte alle avversità. La Pasqua ci chiama a cercare la vita tra i viventi con cuore grato e gioioso. La Pasqua ci chiama ad andare oltre la tomba e a condividere la buone notizia della risurrezione. La Pasqua ci chiama a seguire coraggiosamente Gesù Cristo, il risorto, e ad annunciare con coraggio che dall’oscurità e dalla sofferenza viene una nuova vita”.Mons Leow rilancia il messaggio pasquale di speranza: “C’è speranza per quanti si trovano nelle periferie della società; speranza per governi e leader; speranza per la Chiesa. Il messaggio di Pasqua è anche rilevante per noi come nazione. Dovrebbe avere la certezza che siamo in grado di superare le avversità che affrontiamo nel nostro paese. Come nazione, dobbiamo e possiamo eliminare la povertà. Dobbiamo e possiamo porre fine alla distruzione del nostro ambiente. Il messaggio di Pasqua ci incoraggia a porre fine a tutti i mali morali; è ora di voltare le spalle alla disonestà, alla corruzione e alla corruzione, alla violenza e alla vendetta. Il messaggio di Pasqua deve aiutarci a rivolgere i nostri sforzi per sanare le ferite della divisione, riconciliando famiglie spezzate e comunità riunite”.Il testo conclude con un augurio: “Che tutti noi possiamo essere rinnovati e trasformati in questa Pasqua. Possiamo portare luce nell’oscurità e sperare dove nessuno spera. Possiamo essere il popolo pasquale e proclamare che Alleluia è il nostro canto”.

    Print       Email