Loading…
You are here:  Home  >  European Union - MIL OSI in Italian  >  Current Article

OCEANIA/PAPUA NUOVA GUINEA – Perchè sfruttare l’oceano? I Vescovi a confronto sull’industria mineraria nei fondali marini

Published By   /   April 16, 2018  /   Comments Off on OCEANIA/PAPUA NUOVA GUINEA – Perchè sfruttare l’oceano? I Vescovi a confronto sull’industria mineraria nei fondali marini

MIL OSI

Source: The Holy See in Italian

Headline: OCEANIA/PAPUA NUOVA GUINEA – Perchè sfruttare l’oceano? I Vescovi a confronto sull’industria mineraria nei fondali marini

Port Moresby – Proseguono i lavori dell’assemblea dei Vescovi della Federazione delle Conferenze Episcopali cattoliche dell’Oceania focalizzata sull’enciclica di Papa Francesco “Laudato si” . L’ordine del giorno continua con una sessione sull’estrazione mineraria nei fondali marini. Tra i relatori principali, il professor Kaluwin Chalapan della Facoltà di Scienze Naturali e Fisiche dell’Università di Papua Nuova Guinea, ha fornito una panoramica ai Vescovi sulle sfide nella Governance dell’Oceano e delle coste e sul raggiungimento di una politica di sviluppo sostenibile. In una nota dei Vescovi pervenuta a Fides, il docente ha affermato che “il problema del livello del mare è una delle maggiori sfide in Oceania. Perché sfruttare l’oceano quando abbiamo risorse sulla terra?” ha chiesto l’esperto.Chalapan ha evidenziato molte sfide affrontate in tutta la Papua Nuova Guinea e l’Oceania, oltre a mettere in luce l’importanza della proprietà della terra, le politiche e le attività di sviluppo per il mare.I Solwara Warriors, movimento di opposizione formato dalle popolazioni locali, erano presenti alla sessione e si sono soffermati sulla questione delle miniere nei fondali marini e su cosa stanno facendo come gruppo. Il gruppo ha condiviso il motivo per cui lo sfruttamento dei fondali marini deve essere fermato e ha fornito dati sul progetto Solwara 1. Hanno inoltre affermato che nessuno, nè gli scienziati, il Nautilus e il governo, conosce l’impatto ambientale che questo sfruttamento avrà e hanno insistito sul fatto che non esiste nessun piano di gestione delle catastrofi e la capacità di affrontare il disastro.In un’altra sessione dell’Assemblea FEBCO, il Vicario generale dell’Arcidiocesi di Wellington e Presidente di Caritas Oceania, mons. Gerard Burns, ha parlato di Caritas Oceania. Il programma si è concluso con due workshop guidati dal Vescovo di Bereima, Mons. Rochus Tatamai MSC, che si è soffermato sul sacerdozio in Oceania e dal Vescovo di Paramatta, Mons.Vincent Long, che ha offerto la sua testimonianza sulla Chiesa al tempo del pontificato di Papa Francesco.

    Print       Email