Loading…
You are here:  Home  >  European Union - MIL OSI in Italian  >  Current Article

ASIA/PAKISTAN – Una chiesa bruciata a Lahore da ignoti

Published By   /   April 17, 2018  /   Comments Off on ASIA/PAKISTAN – Una chiesa bruciata a Lahore da ignoti

MIL OSI

Source: The Holy See in Italian

Headline: ASIA/PAKISTAN – Una chiesa bruciata a Lahore da ignoti

Lahore – Una chiesa nella città di Shahdara, nei pressi di Lahore, è stata data alle fiamme da ignoti. Come appurato dagli inquirenti, l’incendio doloso è divampato domenica 15 aprile perchè nell’aula liturgica è stata lanciata una sorta di “bomba molotov artigianale”, fatta di tessuti impregnati di carburante, che hanno preso fuoco e in pochi minuti hanno bruciato tutto l’interno dell’edificio. La polizia ha registrato una denuncia contro ignoti. Mohammad Waryam, ispettore della stazione di polizia di Shahdara, parlando all’Agenzia Fides, ha dichiarato: “Abbiamo iniziato le indagini, ma non vi sono testimoni oculari”. La chiesa, in via di completamento ma già agibile e regolarmente utilizzata per il culto, appartiene alla comunità cristiana evangelica nota come “The Gospel of Jesus Mission”. La Chiesa viene aperta di domenica al mattino per la messa, al pomeriggio per il catechismo di classe e la sera per l’incontro dei giovani. L’attacco è avvenuto mezz’ora prima della lezione di catechismo. L’area è delimitata da una cinta muraria e non è facile entrarvi. La comunità cristiana è regolarmente registrata presso il governo del Pakistan e risiede nella città da quasi quattro anni, servendo circa 300 famiglie cristiane. Il Pastore della comunità Yousuf Aziz parlando a Fides rileva: “Non abbiamo ricevuto alcuna minaccia e non simo in conflitto con nessuno. Quest’atto criminale è scioccante per tutti noi. Tutto si è incenerito velocemente: stuoie, tappeti, sedie, arredi, croci, libri sacri come la Bibbia, i testi degli inni, i libri di catechismo. E tutto l’interno è da restaurare”. Il Pastore prosegue: “I membri della comunità sono in lacrime nel vedere la loro Chiesa così ridotta. Preghiamo per i colpevoli e lasciamo tutto nelle mani di Dio. Dio provvede e proteggerà il suo popolo” In un colloquio con Fides, l’Arcivescovo Joseph Coutts di Karachi “condanna quest’atto criminale” e, ricordando anche la recente aggressione ai cristiani di Quetta , si dice “preoccupato per la protezione dei cristiani in Pakistan”. La Commissione nazionale e “Giustizia e pace”, in seno alla Conferenza episcopale cattolica, ha organizzato oggi, 17 aprile, una manifestazione di protesta in tutto il paese per esprimere solidarietà con i cristiani di Quetta e Lahore e per sensibilizzare le istituzioni politiche e giudiziarie. P. Bonnie Mendes, sacerdote di Faisalabad, commenta a Fides: “Constatiamo che gli attacchi contro le minoranze religiose sono in aumento. Il governo deve prendere seri provvedimenti e non sottovalutare il fenomeno”. La chiesa bruciata si trova nella stessa località in cui nel marzo 2018 il giovane cristiano Patras Masih è stato arrestato, per un caso di presunta blasfemia e poi suo cugino Sajid Masih, anch’egli arrestato, è saltato dal 4° piano dell’edificio della polizia, che voleva costringerlo ad abusare sessualmente di suo cugino Patras .

    Print       Email